COMUNICATO STAMPA

A sostegno di Cédric Herrou: STOP alla criminalizzazione della migrazione e dei migranti!***

Bruxelles, 16 agosto, 2017 – Il Coordinamento Europeo Via Campesina è solidale con Cedric Herrou il contadino francese della Valle Roya che martedì 8 agosto è stato condannato a quattro mesi di carcere (con sospensione condizionale della pena) per aiutare circa 200 migranti irregolari. Se ha violato la legge francese, ha soprattutto rispettato grandi valori: solidarietà e umanità.

Mentre in Europa i capitali e le merci possono viaggiare liberamente, le persone sono oggetto di una enorme discriminazione, che noi contadini e lavoratori agricoli membri ECVC non possiamo tollerare.

Nessuno è illegale, e chi aiuta le persone a vivere una vita migliore non dovrebbe essere perseguito, ma dovrebbe piuttosto essere premiato per il suo contributo umanitario.

Come i marinai hanno il dovere di salvare naufraghi in mare, noi lavoratori dei campi e delle stalle, abbiamo il dovere di fare lo stesso.

Tuttavia, un paradosso persiste: da un lato le istituzioni italiane ed europee hanno bisogno di ONG per compensare le proprie carenze in aiuto ai migranti, ma d’altra parte essi mettendo in atto le restrizioni che impediscono alle ONG di operare nel migliore dei modi o di operare tout-court.

L’Unione europea, che ha ricevuto il Premio Nobel per la Pace nel 2012, dovrebbe imparare dal nostro collega Cédric Herrou e da tutte le ONG, le associazioni e le persone che, per vari motivi, vengono in aiuto alle persone vulnerabili e in modo particolare ai migranti.

Con Cedric Herrou, l’associazione “Roya Citoyenne” tutti gli uomini e le donne che portano il loro assistenza ai migranti, noi diciamo:

STOP alla criminalizzazione delle migrazioni e dei/delle migranti!

STOP alla persecuzione di persone che lavorano per un’umanità migliore!

****

Contatto:

  • Fabrizio Garbarino – ARI (Associazione Italiana rurale) ECVC: 39 331 90 92 823 (IT, FR, ES)

  • Federico Pacheco – Comitato di Coordinamento ECVC +34 690 651 046 (ES, FR)

 

COMUNICATO STAMPA

A sostegno di Cédric Herrou: STOP alla criminalizzazione della migrazione e dei migranti!***

Bruxelles, 16 agosto, 2017 – Il Coordinamento Europeo Via Campesina è solidale con Cedric Herrou il contadino francese della Valle Roya che martedì 8 agosto è stato condannato a quattro mesi di carcere (con sospensione condizionale della pena) per aiutare circa 200 migranti irregolari. Se ha violato la legge francese, ha soprattutto rispettato grandi valori: solidarietà e umanità.

Mentre in Europa i capitali e le merci possono viaggiare liberamente, le persone sono oggetto di una enorme discriminazione, che noi contadini e lavoratori agricoli membri ECVC non possiamo tollerare.

Nessuno è illegale, e chi aiuta le persone a vivere una vita migliore non dovrebbe essere perseguito, ma dovrebbe piuttosto essere premiato per il suo contributo umanitario.

Come i marinai hanno il dovere di salvare naufraghi in mare, noi lavoratori dei campi e delle stalle, abbiamo il dovere di fare lo stesso.

Tuttavia, un paradosso persiste: da un lato le istituzioni italiane ed europee hanno bisogno di ONG per compensare le proprie carenze in aiuto ai migranti, ma d’altra parte essi mettendo in atto le restrizioni che impediscono alle ONG di operare nel migliore dei modi o di operare tout-court.

L’Unione europea, che ha ricevuto il Premio Nobel per la Pace nel 2012, dovrebbe imparare dal nostro collega Cédric Herrou e da tutte le ONG, le associazioni e le persone che, per vari motivi, vengono in aiuto alle persone vulnerabili e in modo particolare ai migranti.

Con Cedric Herrou, l’associazione “Roya Citoyenne” tutti gli uomini e le donne che portano il loro assistenza ai migranti, noi diciamo:

STOP alla criminalizzazione delle migrazioni e dei/delle migranti!

STOP alla persecuzione di persone che lavorano per un’umanità migliore!

****

Contatto:

  • Fabrizio Garbarino – ARI (Associazione Italiana rurale) ECVC: 39 331 90 92 823 (IT, FR, ES)

  • Federico Pacheco – Comitato di Coordinamento ECVC +34 690 651 046 (ES, FR)