Le diagonali del lavoro deportato in Europa

L’agricoltura industriale e schiavitù in Europa

L’evoluzione dei flussi di migrazione di persone che lavorano in agricoltura, l’aumento delle violazioni dei diritti di queste persone in zone di produzione dove si possono trovare in decine di migliaia, la necessità di creare diverse tipologie di lotta (azioni legali, scioperi …) richiede l’istituzione di un lavoro sindacale e associativo coordinato su scala europea. La natura stagionale, l'”invisibilità” di questi lavoratori, e la concorrenza tra loro organizzata dai padroni, rendono difficile il lavoro.
Per i membri della Via Campesina è chiaro che la lotta per il diritto al reddito dei contadini è sinonimo di lotta per i diritti dei lavoratori della terra e che ci rifiutiamo di costruire i prezzi dei prodotti agricoli sul crollo dei salari, sul peggioramento delle condizioni di lavoro e sulla promozione della servitù in agricoltura. Pertanto dal 2006 in 5 Paesi, abbiamo istituito un partenariato europeo di lavoro sulla base di scambi, incontri e formazione degli agricoltori e dei lavoratori stagionali in agricoltura.
Dal 2006, sette volontari sono parti incontrare gli operai ei contadini di Spagna, Romania, Polonia e Italia.
Eventi, seminari, distribuzione di volantini sono stati organizzati da Varsavia a Nimes, da Huelva a Bruxelles, da Bucarest a Rosarno.

Per scaricare il dossier (in francese) del lavoro riguardo “le diagonali” clicca qui